Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

martedì 5 giugno 2018

Non mollate!




Non scrivo e parlo poco delle tragedie che accadono nel mondo. 
Non perché sia insensibile ma solo per rispetto al gran dolore che esse inevitabilmente portano. 
Spesso sono volute, come le guerre, i dissidi ed i combattimenti, tra odio e potere, che spingono sottoterra gente di per sé pacifica ma che per difendersi si aggrediscono ed uccidono tra loro. 
Al limite dell'infamia e della ignominia. 
Guerre costruite per corruzione e lotta ad una supremazia impossibile. 
Ci sarebbe da dire tanto su ciò ma spesso e volentieri non ne parlo perché potrebbe essere controproducente ed anche perché non conosco abbastanza da poter esprimere su queste cose un giusto parere. 

Profondo è il dispiacere di non poter fare nulla o poco per chi soffre ed in tutto ciò è innocente. 

Ma per le catastrofi naturali, ecco...per le persone che muoiono solo perché ci si trova in quel luogo ed in quell'esatto momento... 

Ecco per loro una parolina la spenderei, piccola e maldestra. 

Vi sono vicina popolo del Guatemala, voi che avete perso i vostri cari, conoscenti ed amici, voi che avete perso probabilmente tutto ma che con gran forza ora combattete per continuare a vivere, che non avete perso dignità, anzi ci fate sentire alte le vostre grida e la vostra audacia ci fa essere fieri di essere uomini. 
A voi un piccolo pensiero, forse una lieve preghiera, per darvi coraggio e speranza. 
Perché così lontana nulla di più posso fare. 

Vi sono vicina e spero che altre voci si uniscano alla mia. 
Per un richiamo forte verso chi ha la possibilità di donarvi aiuto ma un valido aiuto! 

Non perdetevi d'animo! 


Pia 


Immagine dal web 

15 commenti:

  1. Io mi sono limitata a raccontare l'accaduto, ma la solidarietà è spontanea quanto indispensabile in questi casi.
    Ho la pelle d'oca se penso a cosa avranno provato quegli uomini. E quei bambini.

    RispondiElimina
  2. Cara Pia, in silenzio mi sento vicina a te, esprimendo un silenzio detto.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Senza parole davanti alle catastrofi naturali così.
    Vola però alto il pensiero e si unisce al tuo, Pia, e a quello di chi si è sentito toccato davanti a quelle immagini terribili.

    RispondiElimina
  4. Un bel pensiero, su questioni più grandi di tutti...

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Cara Pia mi unisco al tuo pensiero, che e senz'altro doveroso. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  6. È inutile aggiungere altro.
    Grazie a tutti per le splendide parole ed il pensiero a loro che ci unisce tutti. Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ciao Pia,
    infondo ti capisco ... anch'io spesso per rispetto non parlo di tante cose mentre, di altre ancora cerco di non parlare per tenere a freno la lingua che direbbe davvero cose da non pronunciare verso gente malvagia crudele o ignorante ... però ti dico che ci vuole tanta delicatezza e sensibilità da esprimere una parola di conforto o solidarietà verso le vittime di catastrofi naturali come quelle del Guatemala ... a te sembrerà poco, ma per qualcuno poco è tutto. Mi unisco alle tue parole. Brava e grazie

    RispondiElimina
  8. Io sono vicina a tutte le popolazioni che si trovano ad affrontare disastri naturali.
    In Guatemala come in Italia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E come non esserlo, abbiamo subito anche qui da noi, purtroppo...
      Ciao Mariella.

      Elimina
  9. Belle parole di solidarietà umana!
    Queste tragedie non dovute alla stupidità e all’egoismo umano sconvolgono.
    Ciao cara Pia un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrico...👍
      Un forte abbraccio a te!

      Elimina
  10. Anch'io la penso come te a riguardo, perché non ne parlo ma un pensiero in questi casi è d'obbligo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Pietro, anche un piccolo pensiero ha una grande validità.
      Grazie e buon pomeriggio !

      Elimina