Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

sabato 2 dicembre 2017

Diversi ma uguali



Ci sono giorni molto particolari nella nostra vita in cui, mentre ci affatichiamo a portare avanti i nostri progetti della giornata, ci sorge un dubbio: sto facendo la cosa giusta? È quello che volevo veramente per me o avrei potuto essere e vivere in maniera diversa? 

Credo che ciò accada quando, per qualche strano motivo, ci sentiamo insoddisfatti e la mente inizia a vagare tra ricordi, emozioni e sogni.  

Però in me avviene anche qualcosa che non mi era mai successo prima, forse perché non lo notavo e non era ancora la mia realtà. 
Inizio ad immedesimarmi nelle persone che arrivano da luoghi lontani, paesi con storie e tradizioni diverse, molto dalle mie. 

Vengono per unirsi a noi con la speranza di un futuro migliore, con la curiosità di conoscerci ed il desiderio, forse, di divenire come noi, di poter realizzare i loro sogni ed essere finalmente sereni ed apprezzati da tutti (cosa desiderata da qualunque essere umano). 
Però il loro passato è diverso, per noi è difficile comprenderli. Eppure anche loro sono come noi, si fermano e riflettono e si fanno le nostre stesse domande: sto facendo la cosa giusta? È quello che volevo veramente per me o avrei potuto essere e vivere in maniera diversa? 
Una piccola attenzione alla risposta dovuta, 
che per noi è: va bene comunque, sono serena/o e tutti mi apprezzano. 
Per loro forse è: sto bene qui perché il peggio l'ho già incontrato. 
Non ci rendiamo conto che i loro sogni sono come i nostri, i desideri come i nostri ma la loro opportunità di realizzazione è più difficile. 

Così, mentre i miei pensieri vagano e la vita scorre, credo che va bene così, che in fondo non posso lamentarmi e se continuo (prendendo anche come esempio loro e la forza che hanno di integrarsi) a lottare per i miei sogni, magari qualcosina riuscirò a tirar fuori, seppur misera e con età avanzata...chissà... 

Intanto vi lascio tutto ciò, sperando di non avervi annoiato. 
Un forte smaccckkkoso abbraccio a voi. Ciao! 





8 commenti:

  1. E' inutile pensare che forse era meglio un altro tipo di vita perché finiamo per sciupare anche quella che ci piace di meno.
    Abbraccio Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus bisogna amare la propria vita.
      Ma avere dei desideri e sperare in qualcosa di meglio non è errato, avere anche la forza di realizzarlo è oltretutto meraviglioso. Ed è così per tutti.
      Abbraccio forte a te, ciao!

      Elimina
  2. Io sinceramente non ho dubbi sulle mie scelte di vita, ma spesso ho dovuto chiudermi e proteggermi per evitare che fossi aspramente criticato, soprattutto da persone della famiglia (perché delle critiche di terzi ho imparato a fregarmene), proprio per queste scelte. Ma è vero che anche portare avanti le proprie scelte porta a dei momenti di insoddisfazione, per ciò che non abbiamo, allora lì subentrano ricordi e sogni: nel primo caso magari pensiamo a delle scelte fatte in passato e a come sarebbe cambiata la nostra vita, nel secondo caso pensiamo e sogniamo quello che non abbiamo.

    Detto questo, anche io per lavoro ma non solo, ho imparato a cercare (devo fare questa precisazione, usando il verbo cercare, perché non so se ci sono riuscito) di mettermi nei panni del prossimo, di capire la ragione di certe azioni.

    Allargando il raggio di questo ragionamento, veniamo al prossimo più lontano...è un tema molto delicato, tu l'hai affrontato in un modo che trova il mio pieno sostegno, lo hai affrontato in punta di piedi; è vero che ci sono i cattivi, ma i cattivi sono ovunque, purtroppo sono quelli che fanno più rumore, perché con la forza si fanno sentire; ci sono persone che davvero vogliono vivere con noi e come noi, anche se mantenendo le loro peculiarità. E qui sbaglia chi punta il dito, chi vuole che si conformino al 150%, ma questo vale anche tra di noi, se uno non rispetta le convenzioni sociali certo non viene accusato, ma viene snobbato e mal considerato.

    Speriamo davvero che in un futuro le cose girino per il meglio. Non sarà un futuro prossimo, purtroppo. Ma tant'è: dobbiamo aspettare e stare più tranquilli, curando il nostro orticello alla 'Candido', ma questa volta non avrà accezione negativa. Cercare di fare del bene e non buttarci nel mezzo di chi vuole fare male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo come sempre Riccardo...
      Io aggiungerei, noi facciamo del nostro meglio per essere noi stessi, anche se questo significa essere diversi, se è giusto lo vedremo col tempo (anche se significa raggiungere la vecchiaia col dubbio...eheheh...).
      Il male se vince non dura...baciotti e grazie!

      Elimina
  3. Una immagine molto bella.
    Guarda, quelle domande ce le facciamo tutti, io spesso a ogni mia decisione mi chiedo se sia la cosa giusta, ma sento che lo è, sennò non la farei.
    E se mi sbaglio, amen... mi porterà comunque da qualche parte^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki gli errori sono inevitabili...il tuo amen lo condivido. Buon Sabato sera famosissimo! 0

      Elimina
  4. Io, potessi tornare indietro, sceglierei un altro lavoro ed un altro stile di vita. Ma ormai è tardi, proseguo il mio cammino e va bene così. Grazie per essere passata da me e un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirtillo anch'io ma ringrazio infinitamente il cielo di averlo.
      Grazie a te di aver ricambiato. Il tuo è un saluto graditissimo e ancora complimenti per il post bellissimo. Ciao!

      Elimina