Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

sabato 22 luglio 2017

L'anima alla rosa



La mia più grande soddisfazione è non ferirti, 
curarti 
e starti vicino. 
Così da godere della tua bellezza 
il giorno in cui ti ammirero` 
nella tua infinita 
maestà. 

Ed io 
non potrò più fare a meno di te! 

Pia 






5 commenti:

Riccardo Giannini ha detto...

Questa tua bella poesia, Pia, mi ha suscitato un ricordo: una ragazza che avevo conosciuto da poco e che espresse la propria contrarietà sui fiori in regalo e in particolare le rose. Io invece sono della vecchia scuola: regalare un fiore è sempre un gesto squisito in genere molto gradito alle donne.

Pia ha detto...

Riccardo ciao.
I gusti possono variare ma piante e fiori piacciono a tutte...come aprire la portiera della macchina, prima che lei ci salga su...
Spesso si dice di no a qualcosa ma forse è un no ad altro...
Le donne!!!
Abbraccio caro amico, buona Domenica. Ciao e grazie!

Riccardo Giannini ha detto...

Capisco il messaggio, ma era una chiacchierata innocua :D, non un no a un invito recapitato sotto forma floreale :D. Poi magari sì, il fiore regalato da una persona che piace, piace anche alla persona a cui non piacciono i fiori :D

Paola S. ha detto...

Neanche io amo i regali floreali e non amo particolarmente i fiori, però quando li ho ricevuti ho sempre e comunque apprezzato il pensiero :)


Quanto alla poesia, è molto bella e soprattutto può essere rivolta anche alla persona che si ama, perché almeno in teoria non c'è cosa più bella che prestare le proprie cure a quest'ultima ed assicurarsi che stia bene :)

Pia ha detto...

Buon Sabato e Domenica Paola!
Condivido il tuo pensiero. Regalare i fiori è un bel gesto ma deve avere soprattutto un valido motivo è significato. Altrimenti meglio non riceverne.
È bello ciò che esprimi sul senso di ciò che ho scritto...grazie! Abbraccio grande!