Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

venerdì 12 maggio 2017

Umida traccia



Seduta 
la osservi. 

Attorno 
la natura 
discorre. 
Ma tu
 sei distratta. 
Serena 
rincorri 
il suo scorrere. 
Lo sguardo 
l'insegue. 
La calma 
potenzia 
il tuo ardire. 
E lei 
neanche sa 
della tua esistenza. 
Tranquilla 
continua 
il suo percorso. 
Scopre 
quel piccolo anfratto. 
Poi curva
si snoda. 
Si diverte. 

Questo 
a te sembra. 

Ad un tratto 
una lieve salita. 
Insignificante per te. 
Faticosa per lei. 
Poi d'improvviso 
la discesa. 
Ed infine 
sparisce 
in quel foro. 
Rimani 
sospesa 
e ti chiedi: 
"Chissà...
ora dove sarà?" 
Di lei
ormai 
solo
 una sottile 
ed umida traccia.  

Pia 





8 commenti:

  1. Sparisce per unirsi al tutto, per diventare tutto, e anche la traccia che lascia è parte di noi :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere rivederti "in azione" e trovo particolarmente appropriata la metafora della goccia. Noi tutti siamo delle gocce, parti molto piccole dell'universo. Ma sappiamo lasciare la nostra traccia e attirare l'attenzione di chi magari, in un dato momento, sta facendo e pensando altro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo ciao!
      Grazie...è difficile smettere di scrivere o creare.
      A volte serve anche fermarsi a riflettere.
      Bellissimo il tuo pensiero che condivido...abbraccio e smack!

      Elimina
  3. Grazie Maurizio. Come stai?

    RispondiElimina
  4. Quanta strada può fare una piccola goccia... bella l'immagine che ne dai, in particolare gli ultimi versi.
    Ciao Pia, un caro saluto Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Stefania.
      Mi fa molto piacere che ti siano piaciute queste poche parole. Il tuo punto di vista mi rende felice.
      Abbraccio grande e grazie.

      Elimina