Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

martedì 11 ottobre 2016

Il suo è già tuo




Sono convinta che

chi ti vuole bene davvero

non finge e non ti sfrutta

non si nasconde e non ti inganna. 

Ti protegge e lo fa notare. 

Chi invece pronuncia le fatidico parole 

lo fa solo una volta o mai... 

Perché quel bene è già donato definitivamente a te. 



Pia



8 commenti:

  1. Mi piace l'idea di "bene" che sia protezione, sincerità, trasparenza e mai inganno. E' bello voler bene così e, certamente, anche sentirsi voluti bene in questo modo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Maurizio è piacevole e lo auguro a tutti.
      Io posso testimoniare a favore...alla faccia di chi non ci crede...magari perché non vuole...
      Bisogna crederci ed agire per ottenerlo non ascoltando chi considera che ciò possa essere un sogno.
      Abbraccio carissimo e grazie!

      Elimina
  2. Guarda, lo penso anche io...
    I fatti dicono più parole tra le righe rispetto alle parole stesse...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì...
      non serve dire qualcosa se è già dimostrato con i fatti.
      Abbraccio Miki, grazie!

      Elimina
  3. Il significato della parola “Amore” sta già nella parola stessa.
    L’amore non è altro che volere il bene dell’altro più di ogni altra cosa, non occorrono parole, ma gesti, fiducia, comprensione e soprattutto presenza di cuore!
    Ciao Pia, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo Betty...assolutamente...
      Io aggiungerei l'affetto, che si dimostra anche con gli amici. Ciao, grazie e buona giornata a te!

      Elimina
  4. L'amore all'altro non è una cosa generica, come un gran vento caldo che all'improvviso in certe giornate primaverili fa dire: "Toh, è già estate".
    La dedizione di sé all'altro è una cosa molto concreta. Perché l'Io vive, non come un nuvolone astratto, vive come atto.
    La legge dell'io è darsi, è l'amore come darsi all'altro. Darsi all'altro significa muoversi verso un altro, ascoltare, comprendere ed esaudire le esigenze dell'altro.

    Ciao Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello,
      sì, considero il tuo commento superlativo come chi l'ha scritto.
      Abbraccio mio carissimo amico Gus. Grazie!

      Elimina