Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

sabato 15 ottobre 2016

Le viole





Pensai a te

... 

Credevo che 
il frutto ed il fiore 
compissero strani ghirigori. 
Che i profumi fossero 
insieme dolci ed espressivi. 

Mi sbagliavo. 

Le viole.  
Loro erano il tuo ritratto. 
Pienezza e dolcezza 
delicatamente inebrianti.  

Il tuo dono 
la tua ebrezza d'ali. 
La grandezza 
nella piccolezza. 
Il tuo profilo seguito dai miei occhi. 

Pensai a te 

come si fa con 
I petali delle viole... 
Che solo col tocco 
rivela la sua pregiata setosita`. 


Pia 







2 commenti:

  1. Nessuna speranza di cambiamento?
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah...caspiterina Gus, grazie. Non mi ero accorta degli errori.
      Abbraccio a te.

      P.s. spero intendessi questo con la parola cambiamento... ; )

      Elimina