Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

lunedì 29 febbraio 2016

Io sì




Hai mai visto una persona sofferente?
Io sì.
La osservi per un attimo
nella sua posizione
quasi sempre supina.
Cosa accade in quel secondo?
Tutto ciò che puoi chiederti
in quel piccolo momento...
O nulla...
Neanche la più piccola domanda.
Solo agisci,
offri il tuo aiuto,
magari prendi una sedia lì vicino
e ti metti al suo fianco
così solo per un sorriso.
Uno scambio di parole,
una tenera carezza
o solo un dolce sguardo.
Poi non riesci a pensare altro...
Con quale coraggio andare via?
Ma lo devi fare...
Riporti la sedia al suo posto.
Un piccolo saluto,
magari con la consapevolezza
di non rivedere il suo volto
il giorno dopo.
Esci fuori dal suo sguardo,
lontano dalla sua presenza
e ti chiedi...
Come si fa
a provare altri sentimenti?
Perché la rabbia,
Il risentimento,
l'invidia,
l'odio...?
Perché non avere sempre nel cuore
quella tenerezza,
quella sensazione di serenità,
quello strano attimo
dove il niente è tutto...
Un meraviglioso,
 sensazionale,
profondo nulla...colmo di gioia!


Pia







Nessun commento:

Posta un commento